Dopo l’esperienza ad Amici di Maria De Filippi dell’edizione 2013/2014, nella quale è approdata  alle fasi del serale, pubblica su Etichetta Senza Dubbi Sas  un EP dal titolo  “Ancora un po’…”: un disco d’esordio che vede tra gli autori anche il suo compagno di scuderia Matteo Becucci (vincitore dell’edizione 2009 di X-Factor).

Poco tempo dopo è l’interprete del Brano “La cosa più bella”  singolo,  composto da Giulio Filotto e scritto dal giornalista Carlo Nesti in memoria di tre grandi campioni dello sport: Pier Mario Morosini, Marco Simoncelli e Vigor Bovolenta, venuti a mancare prematuramente mentre facevano ciò che per loro era “La cosa più bella” del mondo, ovvero lo sport che amavano.

Il singolo,  molto emozionante, ha fatto il “giro del mondo” grazie alle presentazioni avvenute durante alcune tra le più attese partite della Volley World League andate in onda in mondovisione su Rai Sport 2, ( Italia‐Australia giocata a Verona e Italia-Brasile disputata a Roma in un‐gremito Foro Italico) nonché allo Juventus Stadium di Torino in occasione di una edizione della “Partita del Cuore” di Nazionale Italiana Cantanti.

Dopo aver pubblicato  una sua personale reinterpretazione del singolo di successo di Lorenzo Jovanotti “Le tasche piene di sassi”, nel giugno 2017 ha pubblicato “I miei Sentieri” EP Unplugged, nel quale Miriam ha messo a nudo alcune delle più belle canzoni internazionali di tutti i tempi, interpretandole chitarra e voce.

Dopo un percorso di approfondimento musicale ed aurorale  Miriam ha iniziato a comporre in prima persona il suo nuovo repertorio, con la collaborazione di alcuni giovani interessanti autori  e compositori del nuovo panorama della musica leggera, tra i quali Joe Foresta, Zibba, Leonardo Cristoni,  Fabio Ferraboschi ( co-autore insieme a Lei e a Matteo Becucci di “Settembre”, brano con il quale  Miriam si è aggiudicata il premio della critica come “miglior Testo” al “Premio Lunezia 2017) oltre ai F.lli Caruso (noti anche come produttori sotto lo pseudonimo di ETNA MUSIC ), abbracciando sonorità e melodie internazionali, calate con coraggio e determinazione nel panorama Pop Italiano, grazie anche alla sua grande duttilità interpretativa ed alla immediatezza dei suoi testi.  Il primo brano del nuovo percorso è stato “OPS” brano, con il quale ha ottenuto l’attenzione della giuria del Festival Di Sanremo Giovani  2018 che l’aveva inserita tra i primi 60 selezionati, Ha incontrato il  noto deejay e Producer  GETFAR ( al secolo Mario Fargetta) che ha curato il remix del brano che le ha permesso di raggiungere la finale del concorso Deejay on stage nell’Agosto scorso ottenendo importanti riconoscimenti sia di pubblico che da parte dei giurati.

La Collaborazione con Fargetta è continuata anche in occasione della realizzazione del  Brano “BALLO DA SOLA” composto, testo e musica,  in parte anche  da Lei stessa , prodotta dagli ZOEN e da Mario Fargetta che ha curato anche i Missaggi e il Mastering dosando con grande esperienza melodia italiana e sonorità internazionali contemporanee. Anche questo brano ha ottenuto buoni risultati di pubblico contribuendo  alla crescita dell’interesse verso  Miriam su tutti i social ed i portali di musica.

La ricerca delle sonorità più innovative da coniugare con la tradizione musicale Italiana ha permesso a Miriam, e al suo team di co autori e produttori, di realizzare “La Parte migliore di me” brano col quale Miriam sembra avere messo a fuoco in modo definitivo il suo “mondo” e la sua forza comunicava dove la ricerca delle sonorità più contemporanee si coniuga con l’Ironia dei testi e la capacità interpretativa dell’Artista.